Carte false, manette, esplosivo. I segreti della “Ciancimino spy-story”. L’accusatore scagiona gli accusati. Senza volerlo

Quella freccina accanto ad una parola in codice che rimanda ad un nome importante. Il più importante di tutti, Gianni de Gennaro. Calunnia aggravata. Le manette. L’esplosivo in casa, trovato a colpo sicuro. Una sequenza tremenda, incredibile. E anni di rivelazioni, sospetti, denunce, accuse, illazioni, diventano un castello di carta.

Massimo Ciancimino, figlio di don Vito, sembra concludere  così, senza gloria, la sua straordinaria, irripetibile avventura. Più di due anni, forse tre, fra le luci delle telecamere, i titoli dei giornali, la radio, la televisione, i libri di successo. Un cursus honorum da campione dell’antimafia.

Severo, rigoroso, fragile e sicuro di sé, gli occhi furbi di una faina che esplorano lo spazio attorno. Sembrano cercare protezione piuttosto che condivisione. E le carte sulle ginocchia, la pagina giusta nel momento giusta. Ogni volta quella che serve con il corredo dei ricordi di una padre potente, ma smarrito, spaventato. Pronto a vendersi in cambio di una vita nuova. A patto che sia conservato il nome vecchio. L’impossibile.

Don Vito un pentito? Mai e poi mai. Semmai un pacificatore, un mediatore. Un garante, come si conviene a quelli che contano. Non solo l’onore delle armi, ma rispetto. Sì, soprattutto rispetto. E lui, Massimo, che assiste alle maschere del padre costretto a piegarsi senza darlo a vedere, a pretendere rispetto senza averne.
Qualcosa ha imparato dalle giornate difficile del padre. Ha imparato a vendere bene la merce, a non venderla mai del tutto. A farsi desiderare, a tenere tutti con il fiato sospeso. Sto dalla vostra parte, ma non sono vostro. Non lo sarò mai, perché a quel punto sono finito. Questa la sua filosofia. Un azzardo, forse senza alternative.

La storia di Massimo s’interrompe per una buccia di banana. Un’ingenuità grande quanto una casa. Perché fra io tredici nomi, tutti in fila, ordinati, su quel documento infame ce n’è uno, che invece un nome non è e rimanda a qualcuno che lì non doveva starci. Scritto di fianco? Da chi, da don Vito? Massimo sostiene che non c’è niente di falso. Ma gli esperti affermano il contrario ed è a loro che bisogna dare retta, non c’è verso. Perciò non doveva esserci quel nome. E allora perché c’è entrato accanto alla “dozzina” di presunti trattativisti? Chi l’ha suggerito?  Una pensata di Massimo? Chi ha voluto che ci fosse? E per quale ragione?

Domande che difficilmente troveranno risposte in queste ore. È una matassa ingarbugliata, c’è da smarrirsi. Massimo che si gioca tutto sotto una carta non è partita giusta. Ha consegnato 250 documenti con una tempistica che pareva scritta su un copione, quasi che dovesse rispettare il film dell’indagine piuttosto che l’indagine in sé. La spettacolarizzazione della collaborazione. Insistita, esagerata, tremendamente rischiosa. Ed è proprio l’entità del rischio, con i nomi grossi di mezzo, che ha creato attorno a Massimo un alone di credibilità fra coloro che leggevano sui giornali ciò che andava raccontando. Non può dire ciò che dice senza avere le carte per provarlo, si sosteneva.

Naturalmente c’erano gli scettici e chi, fra gli inquirenti (è il caso della Dda di Caltanissetta), non ha mai considerato attendibile il figlio di don Vito, tutt’altro. Ed ora le indagini non vengono sporcate da quel falso d’autore.

Massimo Ciancimino paga un’esposizione mediatica senza precedenti. È rimasto in prima pagina per anni. Il più esperto dei comunicatori avrebbe fatto peggio, lui invece sembrava cavalcare la tigre con una nonchalance consumata, la faccia contrita, lo sguardo fiero e puntiglioso. Ogni volta una novità e rivelazioni, una dopo l’altra, con la verità che viene tessuta sapientemente davanti ad una platea che alterna creduloneria a scetticismo, interesse a disattenzione.

I suoi libri, le sue interviste e le presenze in tv non si contano. Indimenticabile quella volta che ad AnnoZero si lascia andare, piange al ricordo della madre che ha dovuto sopportare le disgrazie del padre ed ora le sfide del figlio, che si arrabatta per salvare il salvabile fra magistrati, poliziotti, carabinieri, personaggi politici, uomini delle istituzioni, servitori dello Stato, agenti dei servizi, per ottenere credito e conservare il patrimonio. Non il “sarcofago” tutto d’un colpo. Doveva centellinare le novità; una volta esaurite, sarebbe rimasto senza niente e quindi, senza nulla da pretendere.

Di errori ne ha fatti. La storia del patto con il boss della ndrangheta, per esempio. L’identificazione a rate di quell’agente dei servizi che sarebbe la chiave della trattativa fra mafia e Stato. Gli accenni al coinvolgimento di Silvio Berlusconi e Marcello dell’Utri. E qualche carta falsa.

Qualcuno se l’aspettava che accadesse.

Una anno fa circa fa su queste colonne ospitammo una intervista al professore Alfredo Galasso, che di processi di mafia ne ha fatti tanti. Il cuore dell’intervista era proprio Massimo Ciancimino, che a quel tempo era al massimo dello “splendore”. Documenti, rivelazioni clamorose che facevano traballare le istituzioni, il governo, la maggioranza politica. Chiedemmo a Galasso se avesse letto e seguito le vicende del figlio di don Vito. Rispose che sì, aveva letto tante cose e confessò di essere rimasto sconcertato dalle rivelazioni, documenti, novità.

Facemmo a Galasso la domanda cruciale, senza girarci troppo attorno. Gli crede, professore? No, rispose, gli credo poco. In ogni caso, aggiunse più o meno, bisogna cercare qualcosa di utile fra tanto cascame inutile. “Sta straparlando”, aggiunse, e questo non dispiacerà affatto a coloro che avrebbero di che preoccuparsi. Perché? domandammo ingenuamente. “Come, perché”, rispose Galasso, “appena lo sgameranno, appena lo sbugiarderanno, cadrà tutto il resto e finirà con il fare un servizio a quelli che accusa. Cancellerà così ciò che di serio ha raccontato”.

Le cose stanno andando proprio così. Il falso, l’arresto per il pericolo di fuga, invero opinabile, poi l’esplosivo in casa e la sicura permanenza nelle patrie galere. Da accusatore Massimo Ciancimino potrebbe diventare la prova dell’innocenza degli accusati. Giusto come aveva previsto Galasso.

E’ una storia complessa, l’avrete capito, no?

Siciliana, e non solo.

siciliainformazioni.com del 22 aprile 2011

Advertisements